fidi 500 euro

500 Euro a scalare per ognuno dei 575.000 ragazzi aventi diritto

Pur con ritardo, parte l’iniziativa del Governo destinata ai diciottenni, ai quali viene offerto un bonus di 500 Euro da spendere in buoni per cinema, concerti, eventi culturali, libri, musei, monumenti e parchi, teatro e danza. Partiamo dai concetti base, per poi capire come muoversi nella trafila burocratica, facendo chiarezza anche su punti non chiari a tutti.

Chi ne ha diritto: tutti i ragazzi che compiono il diciottesimo anno di età dal primo gennaio 2016 al 31 dicembre 2016.

Limiti: I ragazzi hanno tempo fino al 31 gennaio 2017 per registrarsi e fino al 31 dicembre 2017 per spendere il Bonus Cultura.

1. Non vengono dati 500 Euro in contanti, ma si tratta di un buono a scalare (come se fosse una ricarica telefonica). Il vantaggio è che non si anticipano soldi che poi verranno rimborsati (come è accaduto per il bonus insegnanti per l’acquisto di materiale informatico).

2. Per ottenere i buoni si passa per il sito https://www.18app.italia.it/ e/o dalla rispettiva app e solo da questi

3. Per accedere a sito e app, occorre dotarsi di un proprio e univoco SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale, che serve inoltre ad accedere a tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione con un’unica Identità Digitale (username e password) utilizzabile da computer, tablet e smartphone).

Seguendo quindi un ordine cronologico delle operazioni da effettuare per godere dei 500 Euro, occorre per prima cosa dotarsi di SPID, seconda cosa registrarsi sul sito o via app, per finire con la terza e ultima operazione di richiedere i buoni messi a disposizione dagli esercenti (sui quali torneremo dopo). Entriamo quindi nel dettaglio seguendo l’ipotetico percorso del diciottenne interessato. In Italia gli aventi diritto sono circa 575.000, portando a circa 290 milioni di Eurol’impegno del Governo per questa iniziativa.

1. Ottenere lo SPID

Senza lo SPID non si fa nulla. Per richiederlo serve aver già compiuto 18 anni, motivo per cui chi compie gli anni nell’ultima parte dell’anno deve attendere. Esistono diversi modi per ottenerlo, in forma gratuita o a pagamento, e li vediamo ora ad uno ad uno. Le informazioni sono ovviamente reperibili anche sul sito ufficiale, ma cerchiamo di semplificare schematicamente il tutto. Si passa per enti o strutture più o meno note, che rilasceranno un loro ID che varrà come SPID, in quanto compreso nel servizio di autenticazione. I procedimenti però variano da ente a ente.

Passando per InfoCert (a pagamento o gratis, dipende)

(Da dicembre 2015 InfoCert è uno dei gestori accreditati AgID dell’identità digitale di cittadini e imprese, in conformità ai requisiti regolamentari e tecnici dello SPID (Sistema Pubblico per la gestione dell’Identità Digitale)

I passaggi sono due: per prima cosa iscriversi a InfoCert (gratuito oppure no, ci arriviamo), POI richiedere loro la “funzionalità” SPID. La prima operazione è necessaria come in qualsiasi sito su cui eseguire delle operazioni o a cui richiedere un servizio. Secondo InfoCert l’operazione di iscrizione richiede circa 15 minuti e necessita di dati personali comprensivi di codice fiscale, un telefono cellulare, una casella email attiva ed una copia del documento in corso di validità in formato digitale o una webcam per fotografarlo nel corso della procedura. Il riconoscimento via webcam costa 19,99 Euro, mentre l’iscrizione è gratuita se si dispone di una porta elettronica certificata, oppure di una Carta di Identità Elettronica o una Carta Nazionale dei Servizi. Esiste una terza via, sempre gratuita, che consiste, meglio su appuntamento, nel recarsi presso uno degli sportelli InfoCert, che sono diffusi soprattutto nei grandi centri urbani e nel centro-nord Italia, meno a sud. Se volete conoscere l’ubicazione degli uffici su una mappa, cliccate questo link e attendete il caricamento. Il passo dopo è ovviamente richiedere che funzioni come SPID, seguendo le loro istruzioni.

Passando per  Poste Italiane (gratuito e solo in un caso limite a pagamento, ma armarsi di pazienza)

La trafila è fino a un certo punto simile a quella di InfoCert. Per prima cosa occorre richiedere online il proprio PosteID abilitato a SPID. Come? Poste Italiane mette a disposizione queste opzioni online: con app PosteID da smartphone, con SMS da numero cellulare certificato, con lettore BancoPosta, Con Carta Nazionale dei Servizi o Carta di Identità elettronica attive, con Firma Digitale. Attenzione: per finalizzare la richiesta del PosteID abilitato SPID ci si dovrà comunque recare allo sportello in tutti i casi per l’identificazione.  Le alternative completamente offline sono due: andare di persona in un ufficio postale con tutto quello che serve o richiedere l’identificazione a domicilio (a pagamento, ma non abbiamo trovato informazioni sul costo) tramite il servizio Poste Interactive.

Passando per SielteID (gratuito)

Siamo in un caso simile a InfoCert. Anche in questo caso di si deve iscrivere per ottenere il SielteID, operazione possibile online in circa 8 minuti; servono indirizzo email, numero di cellulare, dati anagrafici, dati di residenza, codice OTP (codice di verifica sms), scansione o foto di un Documento di Riconoscimento (fronte e retro), scansione o Foto del Codice Fiscale / Tessera Sanitaria (fronte e retro).

Passando per TIM ID (gratuito)

TIM permette di richiedere l’attivazione del servizio in modalità online; la procedura prevede la registrazione sul sito Nuvola Store e può essere completata utilizzando la propria Carta nazionale dei servizi o Carta d’identità elettronica o firma digitale tramite un lettore di smart card da collegare al computer.

2. Registrarsi sul sito https://www.18app.italia.it

Possiamo affermare con certezza che, una volta ottenuto lo SPID, le cose complicate son finite. Sul sito ufficiale dell’iniziativa infatti basta inserire il proprio SPID, nome utente e password per accedere al catalogo di eventi, attività e negozi convenzionati.

Come si può notare, all’accesso viene richiesto lo SPID (i cui servizi sono inclusi negli ID dei partner precedentemente elencati), a cui far seguire l’inserimento di nome utente e password. La procedura è comunque coadiuvata da informazioni abbastanza dettagliate. Abbiamo parlato di app, con la quale fare praticamente le stesse cose e avere sempre sott’occhio il credito residuo, come se fosse un potafogli virtuale. Bene, anche se il servizio parte ufficialmente oggi, di questa app non c’è ancora traccia negli store, e il sito stesso è in beta. Le app, verosimilmente per ogni sistema operativo mobile, arriveranno molto a breve e ve lo segnaleremo a mezzo news, aggiornando al contempo questo articolo.

3. Dove e come spendere i 500 Euro

A questo indirizzo si accede alla pagina che permette di consultare per quali strutture o acquisti è possibile richiedere un buono. Attenzione: ricordiamo che il buono vale per cinema, concerti, eventi culturali, libri, musei, monumenti e parchi, teatro e danza. Non vengono rilasciati buoni per abbigliamento, materiale elettronico/informatico, musica online, abbonamenti in streaming, ricariche telefoniche e via dicendo. Ma tutto sommato è facile capire cosa si può acquistare e cosa no, poiché nella lista presente sul sito è tutto abbastanza chiaro.

Il sito permette di essere facilmente consultato, offrendo come inizio della ricerca la disponibilità i esercizi fisici (ad esempio un cinema) o online (esempio librerie). Si procede poi con la ricerca per nome, indirizzo o città. Segue poi un elenco con le opzioni di scelta.

Si procede poi con la creazione del buono, che sarà fruibile nella struttura senza anticipare denaro.

Nota importante: anche gli enti e le strutture devono iscriversi sul sito e mettersi a disposizione, motivo per cui attualmente non sono molte le opzioni disponibili. Col passare del tempo la lista sarà molto più lunga.

artigiancassa

BENEFICIARI: Artigiani con sede in Piemonte

SPESE AMMISSIBILI:

Il finanziamento deve essere destinato  esclusivamente a:

  • All’impianto e all’ ammodernamento dei laboratori
  • All’acquisto di macchine, attrezzi nuovi e usati e autoveicoli nuovi
  • All’acquisto di software, brevetti, licenze, siti internet
  • Acquisizione di aziende, compreso avviamento e scorte
  • Formazione di scorte e materie prime

AGEVOLAZIONI

Contributo in conto interessi fino al 60% (Artgiancassa RIMBORSA la quota Interessi)

IMPORTI MASSIMI AGEVOLABILI

€ 500.000 per investimenti in immobili, opere murarie, macchinari e attrezzature

Il rimborso interessi ha la durata determinata dal tipo di destinazione del finanziamento

attività

È stata disinnescata, nel frattempo, una mina fastidiosa per l’Europa: l’agenzia di rating europea DBRS ha mantenuto invariato il giudizio sul Portogallo. Se l’avesse abbassato, la BCE non avrebbe più potuto acquistare i titoli portoghesi, con conseguenze imprevedibili sulla periferia europea (Italia e Spagna in testa).

A proposito di Spagna, Rajoy è finalmente riuscito a ottenere il voto di fiducia ponendo fine a una crisi di governo che durava da dieci mesi. Il governo che nasce è però assai debole, di minoranza e subito impegnato nella stesura della legge finanziaria. Va detto, comunque, che per un po’ Rajoy potrà convincere i socialisti che permettono al governo di restare in piedi con la loro astensione, minacciando nuove elezioni.

Molta attenzione attraggono, naturalmente, le elezioni americane e il referendum italiano. Un occhio andrebbe buttato, tuttavia, anche in Germania, dove più o meno fra un mese la Signora Merkel deciderà se candidarsi nuovamente alle elezioni. Se non lo farà, il candidato più probabile sarà Schaeuble, attuale ministro delle Finanze, noto per la sua intransigenza. Se accadrà, non è detto che si possa formare nuovamente la grande coalizione con i socialdemocratici della SPD, non molto favorevoli al rigore di Schaeuble. Ne riparleremo.

Purtroppo l’Europa, come partner internazionale, continua a fare brutte figure: un accordo commerciale con il Canada, la cui stesura ha richiesto anni di lavoro, non è stato firmato per l’opposizione del parlamento vallone, una regione del Belgio in cui risiede appena l’1% della popolazione europea. È urgente cambiare la logica che prevede l’obbligo di ratifica di tutti i parlamentari altrimenti l’Europa sarà sempre schiava di interessi particolaristici.

17Sul fronte economico segnaliamo il brillante andamento dell’indice tedesco IFO, una survey su oltre settemila aziende, tornato ai massimi da qualche anno, a poca distanza dai record del 2007. Questo sottintende una miglior situazione congiunturale cinese (sbocco naturale delle esportazioni tedesche) e una sostanziale indifferenza alla vicenda Brexit. 

CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO

Tutte le donne fino a 70 anni e i giovani di qualunque sesso sotto i 35 anni , dopo 12 mesi dall’ apertura della partita Iva possono ottenere un prestito dalle Banche convenzionate con la Regione (quasi tutte sono convenzionate) max 40.000 € x72 mesi a tassi agevolati , godendo, a costo ZERO della firma di Garanzia della Regione . In pratica la Regione garantisce il prestito fino all’80% , es. la Banca eroga 40.000×72 mesi , la Regione firma a garanzia per l’80% , quindi la Banca rischia solo il 20% dell’operazione (8.000 €)

Per cosa si possono chiedere i soldini? Per acquisto attivita’, attrezzature, macchinari, impianti, ristrutturazioni, arredi, apparecchiature informatiche,  software, beni usati , canoni di affitto (per pagare 30 mesi di affitto) o per acquistare 12 mesi di merci!

Punti di forza: NON sono richiesti garanti (Firma gia’ la Regione) e se non bisogna comprare attrezzature etc., i denari destinati a pagare gli affitti e la merce sono LIQUIDITA’.

Dopo 12 mesi si deve rendicontare alla Regione COME si sono spesi i soldi .

Avvertenza: bisogna dimostrare che si e’ in grado di pagare la rata, quindi no unici e bilanci in perdita.

finanziamento

Come previsto, la BCE non ha dato nuove informazioni sulla politica monetaria, rimandando tutto alla riunione di Dicembre, quando, con ogni probabilità, verrà annunciata la continuazione del programma di acquisti di titoli di Stato e corporate. Resta aperta la questione dell’ammontare: rimarrà uguale o si inizierà una graduale diminuzione degli acquisti in vista del termine del programma? La mia opinione è che l’economia europea, pur abbastanza resistente, non può ancora permettersi un disimpegno da parte della BCE. Sembra più un discorso da farsi nella seconda metà del 2017. 

FONDI BEI

Attenzione sono arrivati i FONDI BEI NELLE BANCHE ITALIANE,

Con questi Fondi, tutti gli Imprenditori che
Hanno una serie di finanziamenti in corso (sia aziendali che personali ) le cui RATE sono pesanti da pagare
Hanno un immobile di proprietà ( aziendale o privato)
Hanno necessita’ di ottenere altra liquidità

Possono CHIUDERE FIDI, PRESTITI, ALTRI MUTUI ….in che modo ?

RAGGRUPPANDO TUTTI I DEBITI IN UN UNICO MUTUO MAX 20 ANNI CHE CONSENTIRA’ DI PAGARE RATA UNICA DI IMPORTO MOLTO PIU’ BASSO RISPETTO A QUELLE IN CORSO
INCASSANDO ALTRA LIQUIDITA’!

Di questi Fondi, possono fruirne tutti i lavoratori autonomi , Chi fosse interessato ad avere informazioni in merito può chiamare lo 011 47 33 226 o inviare una mail con i riferimenti della persona da contattare a info@professionalcenterconsulting.it Un funzionario preposto darà tutte le informazioni del caso . La ringraziamo per l’attenzione e Le porgiamo cordialissimi saluti.

Velia Quarantiello

Professionisti al servizio delle imprese